Ottavio Zani

Parole, Suoni, Immagini

Ultime Notizie

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

10 hours ago

Ottavio Zani

Ne ho lette davvero di tutti colori sulla pandemia.
C’è chi vorrebbe chiudere tutto, chi è il contrario e vorrebbe tutto aperto, chi gioca a strega comanda colori con decreti divisi per tonalità ma che a me sembrano tutti maledettamente grigi, proprio come il cielo prima di piovere.
Quassù, Tra questi monti che pare passeranno in zona arancio, come il colore dell’autunno,il cielo continua ad essere blu. Ogni tanto mi chiedo se quelli seduti al governo l’abbiano mai visto un blu del genere o abbiano considerato che noi viviamo principalmente per le persone che decidono di salire quassù a guardare questo cielo, a passeggiare per queste montagne proprio come me oggi,o praticare lo sci e tante altre magnifiche attività nell’abbraccio di questa strabiliante natura.
Non voglio accettare l’idea di essere un numero buttato in una ciotola in cui si mescolano dati e che ci confina sostanzialmente con l’acronimo di “bene sacrificabile”.
Non posso pensare che questi sentieri, questi luoghi e le persone che quassù hanno deciso di vivere siano messi nel ripostiglio del “Ci vediamo dopo le feste”.
Noi non siamo semplicemente “un pranzo di Natale”;
Non siamo “una pista da sci”;
Non siamo “un sentiero di montagna”;
O forse siamo tutto ciò e per questo meritiamo di continuare ad esserlo.
La frase “Restiamo umani”, spesso utilizzata per scopi umanitari, trova a mio avviso il suo compimento in queste giornate in cui l’umanità è ridotta a un dato, una zona, un colore.
... See MoreSee Less

Ne ho lette davvero di tutti colori sulla pandemia.
C’è chi vorrebbe chiudere tutto, chi è il contrario e vorrebbe tutto aperto, chi gioca a strega comanda colori con decreti divisi per tonalità ma che a me sembrano tutti maledettamente grigi, proprio come il cielo prima di piovere. 
Quassù, Tra questi monti che pare passeranno in zona arancio, come il colore dell’autunno,il cielo continua ad essere blu. Ogni tanto mi chiedo se quelli seduti al governo l’abbiano mai visto un blu del genere o abbiano considerato che noi viviamo principalmente per le persone che decidono di salire quassù a guardare questo cielo, a passeggiare per queste montagne proprio come me oggi,o praticare lo sci e tante altre magnifiche attività nell’abbraccio di questa strabiliante natura.
Non voglio accettare l’idea di essere un numero buttato in una ciotola in cui si mescolano dati e che ci confina sostanzialmente con l’acronimo di “bene sacrificabile”. 
Non posso pensare che questi sentieri, questi luoghi e le persone che quassù hanno deciso di vivere siano messi nel ripostiglio del “Ci vediamo dopo le feste”.
Noi non siamo semplicemente “un pranzo di Natale”;
Non siamo “una pista da sci”;
Non siamo “un sentiero di montagna”;
O forse siamo tutto ciò e per questo meritiamo di continuare ad esserlo.
La frase “Restiamo umani”, spesso utilizzata per scopi umanitari, trova a mio avviso il suo compimento in queste giornate in cui l’umanità è ridotta a un dato, una zona, un colore.

Comment on Facebook

Bravissimo Ottavio giusto pensiero

Carica di più...

Sede operativa e legale

Via Roma 22, 25050 Temù (BS)
P.IVA: 02093500987

Social

Account